Umbertide Turismo

Salta ai contenuti
Umbertide Turismo
 
Musei-e-collezioni-d-arte-Museums-and-art-collections

Musei e collezioni d'arte - Museums and art collections

 

La presenza di artisti rinascimentali e manieristi come Luca Signorelli e Nicolò Circignani detto Pomarancio fanno di questo antico borgo una città d’arte che vale una visita accurata. È qui che questi artisti hanno lasciato opere importanti come la Pala del Signorelli o hanno dipinto, nel caso del Pinturicchio, capolavori come la Incoronazione della Vergine (fino al 1814 nella chiesa di Santa Maria della Pietà) che, pur trovandosi oggi nello studio privato del Papa, fanno parte tuttavia della storia dell’arte della comunità umbertidese. Nella Collegiata (Santa Maria della Reggia), imponente tempio ottagonale del XVI secolo dedicato alla Vergine Maria patrona della città, si trova “L’ascensione al cielo con i santi Benedetto, Romualdo, Savino e Vescovo” realizzato dal Pomarancio nel 1578. Questo respiro culturale è testimoniato anche dal soggiorno a Fratta per alcuni mesi, nel 1486, di Pico della Mirandola, che qui pose le basi della sua “Oratio de Hominis dignitate”, considerato il manifesto del Rinascimento.

Musei e collezioni d'arte ad Umbertide
  play
 

È qui che le testimonianze urbanistiche più significative sono diventate luoghi vivi e pulsanti grazie alla loro valorizzazione culturale. Così la fortezza trecentesca della Rocca è diventata sede espositiva del Centro per l’Arte contemporanea; la Chiesa di Santa Croce è stata destinata a sede dell’omonimo Museo Civico che oggi ospita l’opera più importante del patrimonio artistico della città, la Deposizione dalla Croce realizzata nel 1516 da Luca Signorelli. Nel museo è possibile ammirare anche la grande Pala del Pomarancio. Dieci pannelli illustrano il percorso signorelliano, il restauro della pala e la storia della chiesa stessa.

Nel proprio patrimonio artistico la città include anche il legame secolare con la ceramica la cui evoluzione arriva fino al Novecento grazie alle Ceramiche Rometti che innestano nella tradizione locale lo scatto creativo della modernità e che oggi sono ammirabili nella omonima Galleria delle Ceramiche.

* * *

Museums and art collections
 

The presence of Renaissance and Mannerist artists such as Luca Signorelli and Nicholas Circignani Pomarancio make this ancient village an art city that is worth a thorough visit. It is here that these artists have left important works such as the altarpiece by Signorelli painted or , in the case of Pinturicchio , masterpieces such as the Coronation of the Virgin (up to 1814nella church of Santa Maria della Pietà ) which, although today the Pope's private study , however, are part of the history of the community umbertidese . In the Collegiate Church (Santa Maria della Reggia ) , imposing octagonal temple of the sixteenth century, dedicated to the Virgin Mary patron saint of the city, you will find " The ascension to heaven with the saints Benedict , Romualdo , Savino and Bishop " realizzatodal Pomarancio in 1578 . This is also evidenced by the breath cultural Fratta stay in for a few months in 1486 , Pico della Mirandola, who here laid the foundations of his " Oratio de Hominis dignitate " , considered the manifesto of the Renaissance.

It is here that the most significant urban testimonies have become living places and buttons thanks to their cultural development . Thus the century fortress of Rocca has become venue of the Center for Contemporary Art , the Church of the Holy Cross was designed to seat of the Civic Museum, which now houses the most important work of the artistic heritage of the city, the Deposition from the Cross made in 1516 by Luca Signorelli. In the museum you can admire the great altarpiece of Pomarancio . Ten panels illustrate the path Signorelli , the restoration of the blade and the history of the church.

In its artistic heritage the city also includes the age-old bond with a ceramic whose evolution is up to the twentieth century , thanks to Pottery Rometti that engage in local tradition and the creative impulse of modernity that are admired today in the homonymous Gallery of Ceramics.