Umbertide Turismo

Salta ai contenuti
Umbertide Turismo
 
Il-cinema-comunale-Metropolis-ospitera-martedi-11-aprile-alle-ore-18.00-la-presentazione-del-volume-Il-dialetto-ad-Umbertide-un-indagine-del-1939-di-Sestilio-Polimanti

Il cinema comunale Metropolis ospiterà martedì 11 aprile, alle ore 18.00, la presentazione del volume “Il dialetto ad Umbertide, un’indagine del 1939” di Sestilio Polimanti

 
 
La-locandina-dell-evento

La locandina dell'evento

Martedì 11 aprile alle ore 18.00, presso il Cinema Metropolis, verrà presentato il libro  Il dialetto ad Umbertide, un’indagine del 1939, di Sestilio Polimanti. Interverranno, insieme all’autore, Gianni Codovini (Gruppo Giornalisti Umbertidesi), Walter Pilini (esperto di dialettologia), Adriano Bottaccioli (cultore di dialettologia).

L’evento è stato organizzato dalla Biblioteca comunale di Umbertide, dagli Amici della Biblioteca di Umbertide e dal Gruppo Giornalisti Umbertidesi, nell’ambito della nuova programmazione di appuntamenti per promuovere la lettura e i libri.

Il dialetto ad Umbertide, un’indagine del 1939, di Sestilio Polimanti

La-copertina-del-libro

La copertina del libro

Radici storiche e presente; identità culturali e trasformazioni. Il libro di Sestilio Polimanti, Il dialetto ad Umbertide, pubblicato dalla Società storica Umbertide Edizioni, è un viaggio nella lingua viva e morta della nostra comunità; uno scavo nelle profondità della nostra quotidianità.

Infatti, il volume è la trascrizione di un'indagine dialettologica condotta ad Umbertide nell'agosto del 1939 nell'ambito del progetto dell'Atlante Linguistico Italiano (ALI). Un ricercatore triestino intervistò in quell'occasione un nostro concittadino, Quintilio Bruni, trascrivendo in grafia fonetica vocaboli ed espressioni contenuti in un questionario standard in italiano, di cui veniva chiesto l'equivalente in dialetto. I materiali raccolti furono poi utilizzati, insieme a quelli ottenuti da altri dialetti, per compilare le carte dell'Atlante. Una copia dei materiali su Umbertide è poi pervenuta nelle mani dell'autore di questa pubblicazione, che li ha ritrascritti fedelmente in grafia divulgativa. Il risultato è un volume di sicuro interesse filologico che documenta il nostro dialetto poco prima della metà del Novecento, prima di quello sviluppo socio-economico che a distanza di pochi anni avrebbe modificato in modo profondo la realtà linguistica e culturale ereditata dai secoli passati.