Umbertide Turismo

Salta ai contenuti
Umbertide Turismo
 
Christy-Astuy-The-intelligence-of-love

Christy Astuy "The intelligence of love"

 
 
Il-manifesto-della-Mostra

Il manifesto della Mostra

Sabato 25 giugno, alle ore 18.00, presso la Rocca - Centro per l'arte contemporanea ha aperto i battenti la personale di

Christy-Astuy

Christy Astuy

Christy Astuy, "The intelligence of love", promossa dal Comune di Umbertide, su progetto di Massimiliano Poggioni e Christy Astuy e organizzata dall'Associazione Culturale ARTECH.

LE OPERE IN MOSTRA:  La mostra di Christy Astuy (11.580kB - PDF)

IL CATALOGO DELLA MOSTRA: Il Catalogo (12.632kB - PDF) 

 

La mostra, visitabile fino al 31 luglio, presenta una selezione di dipinti della Astuy realizzati negli ultimi anni, sia in Austria che in Italia. La Astuy è un'artista di fama internazionale, nata in California che vive e lavora a Vienna e da dieci anni anche in Umbria. Opera nel campo della pittura, ha una lunga carriera espositiva e le sue opere sono state esposte in gallerie e musei prestigiosi, fra i quali il Kunsthistorisches Museum di Vienna e la Galleria Nazionale di Arte Moderna di Roma, il Lentos Art Museum di Linz, la Galerie Thaddeus Ropac di Parigi e Salisburgo, la International Triennale Lalit Kala Academy di New Delhi.

La mostra di Christy Astuy
  play
 

Il titolo The Intelligence of Love ispirato ai versi della celebre canzone di Dante “Donne ch'avete intelletto d'amore”, racchiude in un’unica locuzione l’intero universo visivo e poetico dell’artista. Come riportato nel catalogo, la mostra propone un viaggio attraverso questo universo popolato da donne che hanno una conoscenza fisica, intellettuale e spirituale dell’amore e quindi una comprensione piena della forza generatrice di sentimenti e della creatività in esso contenuta. Si fanno carico di esprimere tale forza, nei dipinti della pittrice, tutte le forme di vita possibili. Il processo di ascesa verso una visione sacra del mondo e quindi dell’essere, lo stesso che secondo l’interpretazione dell’artista accompagna il poeta nel suo viaggio di purificazione, conferisce alla pittura una apparenza aulica, incarnata dall’uso da parte di Astuy dell’oro. È l’occhio dell’artista “che ama troppo”, come lei stessa tiene a sottolineare, a cogliere e a lodare “l’amore” che pervade il mondo. E lo fa attraverso la pittura che ha il potere di trasformare la vita in immagini cariche di sacralità e di bellezza. Il riferimento a Dante, così ambizioso, nasce dal desiderio di rendere omaggio all’Italia, cui con ogni evidenza l’artista deve tanto. 

ALCUNE OPERE DELL'ARTISTA:

 

1
2
3

 

 

 

 

 

 

* * *

Saturday, June 25, at 18.00, at the Rock - Center for Contemporary Art will open the personal Christy Astuy, "The intelligence of love", promoted by the City of Umbertide, designed by Massimiliano Poggioni and Christy Astuy and organized by the Cultural ARTECH.
The exhibition, open until July 31, presents a selection of paintings from the Astuy made in recent years, both in Austria and in Italy. The Astuy is an internationally renowned artist, born in California who lives and works in Vienna and ten years in Umbria. Operates in the field of painting, he has a long show career and his works have been exhibited in galleries and prestigious museums, including the Kunsthistorisches Museum in Vienna and the National Gallery of Modern Art in Rome, the Lentos Art Museum in Linz, Galerie Thaddeus Ropac of Paris and Salzburg, the International Triennial Lalit Kala Academy in New Delhi.
The title The Intelligence of Love inspired by the verses of the famous song of Dante "Ladies who have intellect of love", contains in a single phrase the entire visual and poetic artist's universe. As reported in the catalog, the exhibition offers a journey through this universe populated by women who have a knowledge of physical, intellectual and spiritual love and therefore a full understanding of the unifying power of feelings and creativity in it. They are charged to express such a force, in the painter's paintings, all forms of life possible. The process of ascent towards a sacred vision of the world and then being, the same one that according to the interpretation of the artist accompanies the poet on his journey of purification, gives the painting a dignified appearance, embodied by the use of Astuy Of their. It is the artist's eye "who loves too much", as she is keen to stress, to seize and to praise the "love" that pervades the world. And it does so through painting that has the power to transform life into images of sacredness and beauty positions. The reference to Dante, so ambitious, born from the desire to pay homage to Italy, which very clearly the artist owes so much.