Umbertide Turismo

Salta ai contenuti
Umbertide Turismo
 
2-Giugno-consegnata-la-medaglia-della-Liberazione-al-partigiano-Domenico-Bruschi-June-2-delivered-the-Liberation-medal-partisan-Domenico-Bruschi

2 Giugno, consegnata la medaglia della Liberazione al partigiano Domenico Bruschi - June 2, delivered the Liberation medal partisan Domenico Bruschi

 
 
La-consegna-dell-attestato

La consegna dell'attestato

E' stata consegnata questa mattina, in occasione del 2 Giugno, Festa della Repubblica, la medaglia della Liberazione al

L-intervento-del-Sindaco-di-Umbertide

L'intervento del Sindaco di Umbertide

partigiano della 1° Brigata proletaria d'urto San Faustino Domenico Bruschi. 91 anni compiuti, nato a Montone ma residente ad Umbertide, Bruschi, tra gli ultimi partigiani altotiberini in vita, è stato insignito del prestigioso riconoscimento dal Ministero della Difesa in occasione del 70esimo anniversario della lotta di Liberazione e questa mattina nella Sala consiglio della Residenza comunale ha ricevuto dalle mani del sindaco di Umbertide Marco Locchi la medaglia firmata dal ministro della difesa Pinotti. Erano presenti anche gli assessori del Comune di Umbertide Pier Giacomo Tosti e Cinzia Montanucci, il sindaco di Montone Mirco Rinaldi, accompagnato dagli assessori Roberto Persico e Roberta Rosini, e Daniele Carini dell'Anpi di Montone, di cui Bruschi è presidente.

“Oggi è il 2 Giugno, Festa della Repubblica italiana, e vogliamo commemorare questa ricorrenza fondamentale per la

Il-Sindaco-consegna-a-Bruschi-la-medaglia

Il Sindaco consegna a Bruschi la medaglia

storia del nostro Paese con la consegna della medaglia della Liberazione al partigiano Domenico Bruschi, in ricordo di tutti coloro che hanno combattuto e hanno perso la vita per la democrazia e la libertà”, ha affermato il sindaco di Umbertide Locchi. “Domenico  –  ha aggiunto il sindaco di Montone Rinaldi - è stato uno dei tanti giovani altotiberini che ha deciso di combattere in difesa della democrazia; a lui va il nostro più sentito ringraziamento mentre a noi spetta il dovere di tramandare alle future generazioni i valori della Resistenza”.

Quindi Domenico Bruschi ha ricevuto la medaglia e commosso ha ringraziato i Comuni di Umbertide e Montone “per il loro impegno nel mantenere viva la memoria della lotta partigiana e nel contribuire a diffondere quei valori che costarono la vita a molte persone e che portarono alla nascita della Repubblica Italiana”.

Le celebrazioni per il 2 Giugno, che quest'anno coincide con il 70esimo anniversario del diritto di voto alle donne, proseguiranno poi questa sera con la Marcia “La memoria cammina con noi”, promossa dal Coordinamento per la Pace Umbertide- Montone – Lisciano Niccone in collaborazione con il Comune di Umbertide-. Il corteo si muoverà alle ore 20,30 da piazza San Francesco per proseguire lungo il percorso via Secoli - via Spoletini – via Stella – Piazza Mazzini - via Roma - via XX Settembre – viale Unità d’Italia - via Andreani – via Pitulo – via Martiri della Libertà – via Rodolfo Morandi – Piazza Carlo Marx – via Cristoforo Colombo – via dei Patrioti – via Vittorio Veneto – via Bovicelli – via Leopoldo Grilli – via Cibo – Piazza Matteotti – Piazza XXV Aprile – Largo Luigi Vibi – via Soli, toccando alcuni dei monumenti più significativi della città, dalle targhe dedicate a Cipriano Angeloni e ad Antonio Picistrelli, che morì durante gli scontri con le forze dell’ordine nel corso della manifestazione del 1° Maggio del 1891 a Roma, dal Monumento ai partigiani del Cremona alla lapide inaugurata lo scorso anno che ricorda i caduti della Prima guerra mondiale.

La marcia terminerà intorno alle 21,30 in piazza San Francesco dove verranno lette da parte degli studenti dell'Istituto superiore “Leonardo da Vinci” alcune impressioni di donne che votarono al Referendum del 2 giugno del 1946 e verrà restituita la Dichiarazione di Pace, lanciata lo scorso anno in occasione del centenario dell'inizio della Prima Guerra mondiale e che potrà essere firmata fino al 2018, quando si celebreranno i cent'anni dalla fine della Grande Guerra. Sarà inoltre possibile visitare la mostra “70 anni di Repubblica e di voto alle donne – La lunga marcia per il diritto di voto alle donne, 85 anni di attesa”, che ripercorre gli 85 anni che, dal 1861 fino al 1946, condussero l'Italia al diritto di voto alle donne e alla nascita della Repubblica e che sarà poi visitabile anche nei giorni successivi presso il Museo Santa Croce. 

* * *

E 'was delivered this morning, on the occasion of the June 2, Republic Day, the Medal of the Liberation of the Partisan 1st Brigade proletarian shock Faustino San Domenico Bruschi. 91 years old, he was born but resident in Montone Umbertide, Bruschi, one of the last partisans Upper Tiber in life, he was awarded the prestigious award by the Defense Ministry on the occasion of the 70th anniversary of the liberation struggle and this morning in the council of the Municipal Residence Hall he received from the hands of the mayor of Umbertide Marco Locchi the medal signed by the minister of defense Pinotti. Also present were councilors of the Municipality of Umbertide Pier Giacomo Tosti and Cynthia Montanucci, the mayor of Montone Mirco Rinaldi, accompanied by councilors Roberto Persico and Roberta Rosini, and Daniel Carini PNA Montone, of which he is president Bruschi.

"Today is June 2, Feast of the Italian Republic, and we want to commemorate this important anniversary in the history of our country with the delivery of the Liberation medal partisan Domenico Bruschi, in memory of all those who fought and lost their lives for democracy and freedom, "said the mayor of Umbertide Locchi. "Dominic was one of many young Upper Tiber who decided to fight in defense of democracy; - Added the mayor of Montone Rinaldi - to him our deepest gratitude and to us it has the duty to pass on to future generations of the "Resistance values.

So Domenico Bruschi received the medal and moved thanked the towns of Umbertide and Montone "for their commitment to keeping alive the memory of the partisan struggle and in helping to spread those values ​​that cost the lives of many people and that led to the birth of Italian republic".

The celebrations for June 2, which this year coincides with the 70th anniversary of the right to vote to women, then continue this evening with Marcia "The memory walks with us", promoted by the Coordination for Peace Umbertide- Montone - Lisciano Niccone in collaboration with the City of Umbertide-. The procession will move at 20.30 from Piazza San Francesco to continue along the path away Centuries - via Spoletini - via Stella - Piazza Mazzini - Via Roma - Via XX Settembre - Unity Boulevard of Italy - via Andreani - via Pitulo - via martyrs of Liberty - via Rodolfo Morandi - Piazza Carlo Marx - via Cristoforo Colombo - because of the Patriots - via Vittorio Veneto - via Bovicelli - via Leopoldo Grilli - via food - Piazza Matteotti - Piazza XXV Aprile - Largo Luigi Vibi - via Suns, touching some the most significant monuments of the city, from the plaques dedicated to Cyprian Angeloni and Antonio Picistrelli, who died during clashes with security forces during the demonstration on May 1, 1891 in Rome, the monument to the partisans of Cremona the headstone inaugurated last year that commemorates the fallen of the First World war.

The march will end at around 21.30 in Piazza San Francesco where it will be read by the students of the Institute superior "Leonardo da Vinci" some impressions of women who voted in the referendum of June 2, 1946 and will be returned to the Peace Declaration, launched last year to mark the centenary of the First World War and which may be signed until 2018, when it will celebrate the centenary of the end of the Great War. You can also visit the exhibition "70 years of the Republic and to vote for women - The long march for the right to vote to women, 85 years of waiting", which covers 85 years, from 1861 until 1946, led the ' Italy on voting rights for women and the birth of the Republic and which will then be visited in the following days at the Santa Croce Museum.